Sono un appuntamento ormai consolidato dell’estate stintinese. Un momento culturale teso alla valorizzazione del territorio, del suo patrimonio, materiale e immateriale, e della sua identità. Gli Incontri Stintilesi 2018, curati dal Centro Studi sulla Civiltà del Mare e dal Comune di
Stintino, si svolgeranno sabato 1 settembre a partire dalle ore 17.30 al
Museo della Tonnara di Stintino. Il Mut è divenuto infatti, dal 2016, anno
della sua apertura, sede della manifestazione. L’evento, coordinato da
Francesca Demontis, assessora alla Cultura e Turismo del Comune di
Stintino, si apre con i saluti del sindaco di Stintino, Antonio Diana e del
presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Gianfranco Ganau. Subito dopo l’introduzione della direttrice del Mut, Esmeralda Ughi, saranno presentate le tesi di laurea di due giovani stintinesi, Marta Diana e
Lorenzo Diana. La prima è una ricerca sulle “Ricognizioni archeologiche
nell’Isola dell’Asinara”, la seconda sulla “Diversità microbica nella
spiaggia de La Pelosa”.

Seguirà la presentazione del libro di Ninni Ravazza “Nicolino il pescatore,
storie dal mare di San Vito Lo Capo”, diario che il pescatore Nicolò
Lucido, attivo per oltre settant’anni nei mari sanvitesi e delle isole
Eolie, ha scritto per i suoi nipoti.

La serata sarà anche l’occasione per commemorare Gioacchino Cataldo, ultimo rais della Tonnara di Favignana, recentemente scomparso. A ricordarlo saranno Ninni Ravazza e Antonio Varcasia.

La serata si concluderà con la cerimonia di conferimento dello “Stintinese
doc” a Paola Dessy. Un riconoscimento attribuito a chi ha portato lustro al
borgo di pescatori, ma anche una dimostrazione d’affetto nei confronti di
chi ha sempre avuto Stintino nel cuore, come più volte sottolineato dal
sindaco Antonio Diana.

L’artista Paola Dessy, la cui figura sarà tratteggiata dalla storica
dell’arte Giannella Demuro, ha più volte posato lo sguardo sulla Tonnara
Saline, sul borgo di Stintino e sull’isola dell’Asinara, restituendo opere
che denotano una profonda affezione ai luoghi, e che sono anche un omaggio a Stintino e alla sua storia.

L’iniziativa è patrocinata dall’Università degli Studi di Sassari e si
avvale del contributo del Banco di Sardegna.

, , ,
Potrebbero interessarti anche
Latest Posts from