A poco più di una settimana dall’intensa grandinata che ha interessato tutta la valle del Coghinas, gli agricoltori dei comuni di Valledoria, Viddalba e Santa Maria Coghinas fanno la conta dei danni: le carciofaie sono compromesse e la produzione carciofo spinoso, sarà ridotta dell’80 per cento. «Negli ultimi giorni abbiamo fatto numerosi sopralluoghi sugli oltre mille ettari di terre destinati alla produzione del carciofo e le prime impressioni sui danni recati dall’ondata di maltempo sono state confermate – afferma Giovanni Pes, presidente della Cooperativa Società Agricola Valle del Coghinas. Al momento fare una stima esatta dei danni è molto difficile, ma l’assenza dal mercato delle nostre aziende agricole durante i mesi di novembre e dicembre potrebbe generare delle perdite economiche superiori al 60% del guadagno annuale».

Nella valle del Coghinas si contano poco più di un centinaio di aziende agricole e tutte sono dedite alla coltivazione del carciofo, garantendo il 25% della produzione regionale del carciofo. La varietà maggiormente coltivata è quella del carciofo spinoso che da qualche anno gode della Denominazione d’origine protetta (Dop) ed è tutelata da un apposito consorzio che ha sede a Valledoria. Secondo Antonello Deiana, della Coldiretti di Viddalba, le carciofaie non andranno in produzione prima della metà di gennaio e a quel punto, vista la necessità da parte di tutte le aziende agricole di vendere i propri carciofi, ci sarà una forte congestione del mercato. La stagione è definitivamente compromessa».

«La Regione Sardegna deve attivare al più presto lo stato di calamità naturale per dare una risposta immediata agli agricoltori della valle del Coghinas – dichiara il presidente di Coldiretti Sassari, Battista Cualbu, che aveva già stimato la perdita complessiva intorno ai dieci milioni di euro.

carciofaia devastata dalla grandine
carciofaia devastata dalla grandine
Potrebbero interessarti anche
Latest Posts from