Stentino: un percorso itinerante per le vie del paese. Immagini e parole per
raccontare le storie di una comunità. La mostra “Stintino, borgo di
pescatori”, a cura Valentina Calvisi e Salvatore Rubino, è fruibile per le
vie del paese. Un’esposizione che ripercorre la storia del paese e della
sua gente, dalle origini ai giorni nostri, dall’arrivo all’Asinara, nella
seconda metà del Settecento, di una comunità di pescatori liguri,
provenienti da Camogli, al 1885, anno dell’abbandono forzato dell’isola,
convertita in lazzaretto e colonia penale, fino alla nascita di Stintino,
in quel lembo di terra vicino all’isola madre. Il percorso si articola in
quaranta pannelli fotografici, esposti per le vie del borgo, presso le
attività commerciali che aderiscono al progetto, ed è fruibile con
l’ausilio di una mappa che segna le varie tappe. Ogni immagine è arricchita
da una frase o un pensiero dedicati alla pesca, principale attività della
comunità stintinese. Molte le immagini dedicate alla Tonnara Saline, alla
cattura e alla lavorazione del tonno, che vedeva coinvolte anche le donne
del borgo. La mostra itinerante va ad arricchire alcuni percorsi
fotografici già presenti a Stintino, la mostra “Gente di Tonnara”, curata
dal Centro studi sulla civiltà del mare ed allestita nelle vie del paese,
accanto alle case dei tonnarotti, e le esposizioni del Mut, Museo della
Tonnara di Stintino. Quella permanente, che raccoglie i volti dei
protagonisti della tonnara, e la temporanea “Tempo di mattanza. La Tonnara
Saline di Stintino raccontata da Renato Gadau”, allestita tra gli spazi
esterni e interni del museo, e visitabile fino al 31 dicembre.

,
Potrebbero interessarti anche
Latest Posts from